Certificazioni

BRCGS_CERT_FOOD_LOGO_CMYK.jpg

BRC CERTIFICATION

IFS CERTIFICATION

IFS_Food_Box_coated_Cmyk.jpg
WhatsApp Image 2021-09-23 at 11.17_edited.jpg

Nel corso degli anni Gm Piccoli si è sempre impegnata ad ampliare la sua gamma per cercare di soddisfare le richieste di mercato e rispondere alle scelte alimentari dei consumatori, senza però mai rinunciare alla qualità.

Per quanto riguarda le garanzie igienico- sanitarie dei prodotti l’intero processo produttivo avviene nel rispetto di standard molto rigidi: vengono soddisfatti i requisiti  imposti dagli Standard BRC (British Retail Consortium) e IFS Food (International Food Standard) che accertano la conformità del sistema produttivo ai requisiti di legalità e sicurezza degli alimenti; la corretta applicazione delle procedure è verificata annualmente da un Ente esterno, ed ha ottenuto il massimo punteggio di valutazione.

Da alcuni anni si assiste ad una crescente attenzione dei consumatori per un’alimentazione sana e corretta. Questo si traduce in un maggior interesse e consumo di cibi “healtly” ed adatti anche a una dieta vegetariana. Recenti studi rivelano che le abitudini di acquisto si stanno modificando rapidamente e questa tipologia di alimenti sono un business in forte espansione. L’azienda ha arricchito la propria gamma con prodotti Wellness, tra cui prodotti Vegani.

RSPO CERTIFICATION

KOSHER CERTIFICATION

Kosher_logo.jpg
WhatsApp-Image-2019-12-03-at-4.51.11-PM.jpeg
ou perla.JPG

Siamo attenti alle diverse esigenze dei consumatori e alcuni dei nostri prodotti sono certificati kosher.

Per kosher si intende l’insieme di regole religiose che governano la nutrizione degli ebrei osservanti. La parola ebraica “kasher o kosher” significa, infatti, adatto, appropriato o corretto.  Le leggi ebraiche stabiliscono regole alimentari ben precise che riguardano sia gli ingredienti ammessi sia la lavorazione. Il risultato è un cibo “adatto” (kosher, appunto) non solo per il corpo ma anche per l’anima.

La certificazione kosher si ottiene a seguito di un iter di controllo da parte di un ente rabbinico specializzato che supervisiona la produzione di un alimento al fine di garantire che esso sia conforme alle regole alimentari ebraiche. Perché un prodotto sia certificato kosher, tuttavia, è necessario che esso soddisfi rigorosissimi standard di qualità e che tutte le procedure di produzione e confezionamento nonché ogni singolo ingrediente utilizzato nella sua preparazione siano conformi alle restrittive leggi del Kasheruth.

L’estrema rigidità di queste norme costituisce una tutela per il consumatore indipendentemente dalla sua religione e, nel tempo, ha reso la certificazione kosher un marchio di qualità riconosciuto in tutto il mondo.

Il mercato kosher oggi rappresenta, infatti, un business da diversi miliardi di dollari. Gli appartenenti alla comunità ebraica non sono gli unici acquirenti di questi prodotti ma a consumare questo tipo di cibi sono anche tutti coloro che intendono mangiare cibi di qualità e provenienti da fonti attendibili. Per questo in Paesi come Stati Uniti, Israele, Polonia, Ungheria e Romania si registrano tassi di crescita sempre più elevati ed anche l’Italia è un mercato in via di sviluppo.